• Notizia
  • Esteri

Nel 2017 Pil a 1,5%. Scendono Debito e Deficit

Nel 2017 Pil a 1,5%. Scendono Debito e Deficit

A dare impulsi positivi il settore manifatturiero, quello edile e la maggior parte dei rami del terziario (finanziario in primis). Il dato è in linea con le indicazioni del governo, che nella Nota di aggiornamento al Def ha previsto un rialzo dell'1,5%. Lo rende noto l'Istat.

Il rapporto deficit-Pil nel 2017 è sceso all'1,9%, a fronte del 2,5% dell'anno precedente.

Le spese dei consumatori decelerano con un incremento dello 0,2% dopo il +0,6% precedente e la spesa per investimenti si rafforza (+1,2%) assieme all'export (+2,4% da +1%), che ha contribuito positivamente al PIL con +0,6 punti. Il risultato del 2017, il migliore da 10 anni, non include, spiega l'Istat, la contabilizzazione degli effetti dei salvataggi delle banche venete: "per definirli si attende la valutazione di Eurostat, richiesta con procedura formale", sottolinea l'Istituto di statistica.

Gli ultimi dati che arrivano dall'Istat.

Ancora più straordinario - per quanto forse soltanto estemporaneo - il miglioramento dei conti pubblici. Un deficit pubblico così basso non lo vedevamo dal 2000 e il debito pubblico si è ridotto per la prima volta da dieci anni.

La pressione fiscale complessiva (ammontare delle imposte dirette, indirette, in conto capitale e dei contributi sociali) in rapporto al Pil è scesa al 42,4% nel 2017 rispetto al 42,7% del 2016. E questo fa scendere la pressione fiscale al 42,4%, contro il 42,7% del 2016.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Pallotta: "Manderò in bancarotta le radio romane"

Il presidente ha grandi progetti per l'impianto: " Il nostro stadio sarà l'impianto più utilizzato dell'Europa meridionale . Si possono osservare tantissimi giocatori ma vanno viste ore e ore di video per ogni calciatore.

Milan, Montella risponde a Kessie: "Poco lavoro? Solo scuse"

La cosa più sorprendente è però la velocità di Gattuso nel rendere la squadra motivata e capace di ottenere risultati. Forse non ce lo aspettavamo neanche noi e dobbiamo toglierci il cappello davanti al suo lavoro.

Sampdoria-Udinese 2-1, le pagelle: Zapata decisivo, Balic non convince

Gira e rigira il destino della squadra di Oddo ruota attorno ormai a questi numeri, avari, in fase realizzativa. In definitiva se giochi, giochi e giochi e non segni, alla fine vincono gli altri.

Fiorentina, la probabile formazione contro il Chievo. I dubbi di Pioli

La Fiorentina è riuscita a superare di misura il Chievo Verona , 1-0 il risultato al Franchi grazie al gol di Biraghi in avvio. Simeone più Falcinelli in attacco, con il modulo che dovrebbe mutare nel 3-5-2.

Roma-Milan, Totti: "Squadra in certi momenti inaspettata"

Dopo un primo tempo equilibrato, i giallorossi si sono sciolti nella ripresa, soprattutto dopo la rete del vantaggio rossonera. Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu.

Schick scalpita, gioca contro il Milan?

Sicuramente la priorità sarà il Milan , sono orgoglioso di allenare una squadra dove mi sento a casa". In campionato dobbiamo volere fortemente il terzo posto e in Champions dobbiamo passare il turno.

È morto Folco Quilici, grande documentarista, aveva 87 anni

Quilici aveva 87 anni e aveva dedicato la vita alla divulgazione naturalistica. I funerali si terranno a Roma mercoledì prossimo.

Milan, Gattuso: "Alziamo l'asticella, Bonucci non si trattenga"

Hanno grandi individualità ed è allenata bene, i terzini ci possono mettere in difficoltà. Resta fuori solo Antonelli, ma si curerà con noi, resterà con noi fino a mercoledì sera.

Milan, Gattuso: "Arriviamo bene a queste grandi sfide"

Perchè gli esterni e i terzini arrivano in tanti e bisogna fermarli. "Serve essere concentrati per 95 minuti". A noi piace lavorare con la profondità, prima la squadra palleggiava in modo incredibile ma non concretizzava.

Torino, detenuto tenta di aggredire magistrato durante udienza di convalida

Il rischio di contagio preoccupa gli operatori del carcere a causa del contatto diretto con altri detenuti e con gli agenti di polizia penitenziaria.