• Notizia
  • Sport

Napoli e il calcio piangono Luigi Necco, volto storico di 90° Minuto

Napoli e il calcio piangono Luigi Necco, volto storico di 90° Minuto

Nato nel quartiere Sanità di Napoli l'8 maggio del 1934, Luigi Necco ha svolto la sua carriera giornalistica quasi tutta in Rai. I colleghi di 90° minuto hanno voluto ricordarlo così, con questo post sul profilo Facebook ufficiale. A Luigi Necco, scomparso quest'oggi, piaceva raccontarla, scavare nel passato e consegnarlo al presente. A ricordarlo è anche il Primo Cittadino di Napoli, Luigi de Magistris: "Con Necco muore un maestro del giornalismo napoletano". Necco nel 1981 fu gambizzato dalla camorra di Raffaele Cutolo all'uscita da un ristorante ad Avellino perché aveva raccontato a 90° minuto uno scambio di regali e messaggi tra il boss capo incontrastato della Nuova camorra organizzata, tifoso irpino, e il presidente dell'Avellino Calcio, Antonio Sibilia. Sopravvissuto all'agguato, riuscì a raccontare al pubblico televisivo gli spari contro di lui mentre ancora si trovava sofferente sulla barella. Dal 1993 al 1997 ideò e condusse una rubrica dal titolo L'occhio del faraone per la quale ha realizzato e messo in onda 360 documentari e servizi sull'archeologia nell'area Mediterranea, dalla Grecia alla Giordania, dall'Egitto all'Iraq, da Pompei alla Turchia. Appassionato di archeologia, per molti anni si è dedicato alla ricerca del tesoro che il celebre archeologo Heinrich Schliemann aveva trovato nel corso degli scavi sui luoghi dell'antica Troia dei poemi omerici nel 1873 e che ufficialmente i tedeschi davano per distrutto nei bombardamenti a Berlino nel 1945. Alla fine degli anni Novanta condusse anche "Mi manda Raitre", subito dopo l'addio di Antonio Lubrano.

Per un periodo della sua vita si è occupato anche di politica, fu consigliere comunale. Oltre alla capigliatura fulva, agli occhialoni anni '60, era proprio quella giacca azzurra troppo stretta, abbinata alla cravatta con il Golfo di Napoli, a rendere inconfondibile il giornalista napoletano di Mai dire gol.

Argentine soccer superstar Diego Armando Maradona cheers after the Napoli team clinches its first Italian major league title in Naples on May 10, 1987.

Come si vede se una borsa è di qualità o meno? "Maradona no" e "Milano chiama, Napoli risponde".

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Di Francesco chiede alla Roma coraggio: "Dominiamo lo Shakhtar"

Non mi paragono agli altri, ho il forte desiderio di portare la squadra ai quarti perché mi auguro sempre di poter fare meglio. Alessandro Florenzi è pienamente concentrato sul presente. "E' vero, ma noi domani vogliamo pensare solo alla qualificazione".

Arriva il teaser di Loro di Sorrentino, il film su Silvio Berlusconi

E' una produzione italofrancese, di Indigo Film per l'Italia e Pathè e France 2 Cinéma per la Francia. Non resta che attendere l'annuncio della data di uscita.

Urla e spintoni fra Sgarbi e la Iena aronese Corti

Subito dopo, Vittorio ha deciso di dire a tutti i telespettatori del programma di Italia 1 cosa è accaduto realmente in quel locale campano.

Emma Marrone: "Ho imparato a volermi più bene, ad accettarmi di più"

Credo faccia parte di quei cambiamenti che nella vita prima o poi bisogna affrontare , e questa volta è capitato a me'. Sembra che lo chignon sia in voga perché anche l'attrice ex miss Italia ha optato per questa acconciatura.

Torino battuto, la Roma consolida il terzo posto

Dopo il doppio vantaggio romanista, torna a trionfare la noia e Di Francesco ne approfitta per far riposare Under e De Rossi . Alessandro FLORENZI 6,5 - Si propone spesso in fase offensiva e ha il merito di trovare l'assist giusto che sblocca la gara.

Napoli, Sarri carica i tifosi: "Anche noi ci crederemo fino alla fine!"

Non abbiamo l'obbligo di vincere, abbiamo l'obbligo di fare del nostro meglio e cercare di fare risultato contro chiunque. Il Napoli si appresta a giocare la trasferta di Milano, contro l'Inter , con una convinzione in più: la gente ci crede.

Lazio, Parolo polemico con gli arbitri: "Il VAR con noi è spento"

Noi abbiamo giocato male la palla, non siamo stati brillanti eppure abbiamo fatto due gol e non ci hanno dato un rigore. "Con noi non vogliono vedere i rigori al Var perché sono così clamorosi che poi dovrebbero darceli".

Genoa, Ballardini: "Se Giuseppe Rossi non c'è lo denuncio"

Ipotesi che partivano da un assunto: la qualificazione dei rossoneri ai quarti di finale di Europa League . Il numero uno, molto vicino al Milan in estate, ha da poco sposato la bellissima Giorgia Miatto .

Spalletti: "Domani giochiamo per vincere, il Napoli è un esempio per tutti"

Diciamo sempre che il calcio bello è quello che vediamo in tv dei campionati esteri, ma il Napoli è uno degli esempi migliori". Il fatto di non aver giocato in questa sosta "forzata" vi avvantaggia o svantaggia? Spalletti rispetta ma non teme il Napoli .

Il Corriere di Bergamo saluta Astori: "L'addio del capitano"

Quindi ancora una volta la morte "pesca nel mucchio" e come succede sovente le persone migliori sono le prime ad essere carpite. Finisco con un aneddoto: al mattino quando arrivavi nella stanza della fisioterapia eri sempre tu ad accendere la luce.